SITO NON PIU’ AGGIORNATO. E’ IN FUNZIONE IL NUOVO SITO DI ISTITUTO: http://www.iccoriano.it
Registro elettronico
Comunicazioni alle famiglie
Circolari, Comunicazioni Documenti rilevanti
Informazioni sull'Istituto


Offerta Formativa

PON 2014-2020 Fondi Strutturali Europei

Area Genitori

Area Docenti e ATA

Scuola Infanzia
> Scuola Infanzia "Bambi"
> Scuola Infanzia "Pinocchio"
> Scuola Infanzia "Arcobaleno"
Scuola dell'Infanzia: percorsi formativi

Scuola Primaria
> Scuola Primaria "Croce"
> Scuola Primaria "Favini"
> Scuola Primaria "Rosaspina"

Scuola Secondaria I grado
> Sec. I grado "Gabellini" Coriano
> Sec. I grado - sezione Montescudo


Attivita' e Progetti inerenti al POF

10. La radio nelle scuole


            Laboratorio 2011/2012 (Noi giovani per...)

 4 maggio 2013. Incontro con la sezione riminese dell'ARI

Come previsto dalla convenzione stipulata tra MIUR Ministero Istruzione Università e Ricerca e ARI Associazione Radioamatori ltaliani sottoscritta a Roma il 15 febbraio 2006, anche l'Istituto Comprensìvo Statale di Coriano intende aderire a tale progetto per le classi terze.

Area della Tecnologia - Titolo del progetto: 

"La radio nei servizi di emergenza e per la sicurezza"
Referente e coordinatore del progetto
Prof. Piersanti Alfredo
Responsabile per l'ARI di Rimini Dott. Ing. Celli Carlo Alberto

MOTIVAZIONE
La nostra società è fortemente influenzata dalle moderne tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Tra i giovani è molto diffuso l'uso di sofisticati strumenti tecnologici, ma all'abilità tecnica, facilmente acquisibile, spesso non corrisponde una consapevole percezione dei linguaggi che ad essi sono sottesi. La scuola, nell'affrontare questa realtà, deve riuscire ad avvalersi nell'ambito didattico di questa sfera comunicativa e sviluppare attorno ad essa una dimensione creativa e attiva del fare e non solo dell' ascoltare.

LA RADIO, per la sua versatilità e flessibilità, risulta essere un mezzo efficace per rivalutare una comunicazione verbale mirata allo sviluppo di competenze espressive all'interno di nuovi "paesaggi sonori". Può risultare altresì lo strumento più qualificato per far acquisire agli studenti quella padronanza nei modelli comunicativi che oggi è venuta a mancare, poiché i giovani sono sempre meno protagonisti di un'elaborazione autonoma e critica dei processi della comunicazione.

FINALITA'. Le azioni che vengono proposte hanno un duplice intendimento: da un lato favorire l'orientamento consapevole dei giovani nei confronti della cultura scientifica e tecnologica e dall'altro sviluppare capacità di lettura critica di messaggi mediatici.
Si propone di:
. Sottolineare il valore che il rapporto tra i giovani e la radio assume al fine di educarli ad un uso esperto e insieme consapevole, critico e creativo delle tecnologie, dai media tradizionali a quelli più evoluti;
. Capitalizzare un'esperienza formativa in ordine alla comunicazione e soprattutto alla conoscenza ed all'uso dei linguaggi della comunicazione perché lo studente possa esprimersi da autore nel proprio processo di comunicazione.
. Evidenziare la rilevanza nell' orientamento tecnico-scientifico in ambito formativo funzionale alla crescita culturale e professionale.
. Apprendimento e di condivisione di risorse ed esperienze. Approfondire la riflessione sulla società dell'informazione e della comunicazione, attraverso esperienze e contenuti culturali e tecnici sensibilizzando i giovani ai valori della solidarietà e del rispetto della diversità culturale nella consapevolezza della propria appartenenza al contesto sociale e culturale europeo.
. Promuovere, attraverso gli strumenti della radioamatorialità, la cultura della partecipazione ad esperienze di associazionismo per il volontariato e la condivisione di ideali di comprensione e di tolleranza;
. Contribuire a sviluppare la creatività dei giovani studenti, valorizzando talenti e attitudini che non hanno la possibilità di emergere nella normale attività didattica curriculare.

CONTENUTI E METODI. La prima parte dell'attività proposta sarà svolta in classe con lezioni frontali; sarà trattato l'argomento relativo alle onde elettromagnetiche; dalla loro scoperta alle prime applicazioni di Guglielmo Marconi, dalla telegrafia senza fili alle moderne tecniche di trasmissione digitale. L'antenna trasmittente e ricevente e gli apparecchi radio.
Aspetti storici della radio "Radio Caterina" la radio nei campi di concentramento. Le applicazioni delle onde radio nel campo della sicurezza, oltre la comunicazione verbale: le tecniche di rilevamento nelle navigazione, il GPS. Per quanto riguarda l'aspetto tecnico-operativo agli alunni saranno proposte attività pratiche quali, l'ascolto delle varie bande di trasmissione sia HF che VHS e UHF e la realizzazione di semplici antenne HF, VHF, UHF e per GPS utilizzando materiale di recupero nel laboratorio di tecnologia. Mentre per l'uso specifico di apparecchiature radio, ci si avvarrà della collaborazione del gruppo Riminese dell' Associazione Radioamatori Italiani che hanno dato gentilmente la loro disponibilità per l'attuazione del progetto. E' prevista nel mese di Aprile una visita presso la sede dei Radioamatori di Rimini, dove alcuni esperti radioamatori, coordinati dal responsabile Dott. Ing. Celli Carlo Alberto, daranno la possibilità agli alunni di utilizzare le varie apparecchiature messe a loro disposizione.



 

Versione senza grafica
Versione PDF


<<<  Torna alla pagina precedente


In evidenza

Inclusione e Integrazione

PNSD: Piano Nazionale Scuola Digitale

Bacheca Docenti (Sportello Digitale)

Formazione e Aggiornamento

Cambridge Esol Examinations

L'angolo degli alunni

Eventi e ... Commenti
> Ed. alla legalità: incontro con i Carabinieri.
> M'illumino di meno. Risparmio energetico.
> Hotel Transylvania: Dracula is not so bad...
> Giornata della memoria - Scuola e Shoah
> Vi racconto la mia dislessia, di G. Cutrera
> Rapporto La buona Scuola in 12 punti
tutte le notizie...

Links & editing
> Links di interesse istituz.le e didattico
> Editing

Area Riservata



Martedì, 2 Giugno 2020
Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni