SITO NON PIU’ AGGIORNATO. E’ IN FUNZIONE IL NUOVO SITO DI ISTITUTO: www.iccoriano.gov.it/
Registro elettronico
Comunicazioni alle famiglie
Circolari, Comunicazioni Documenti rilevanti
Informazioni sull'Istituto


Offerta Formativa

PON 2014-2020 Fondi Strutturali Europei

Area Genitori

Area Docenti e ATA

Scuola Infanzia
> Scuola Infanzia "Bambi"
> Scuola Infanzia "Pinocchio"
> Scuola Infanzia "Arcobaleno"
Scuola dell'Infanzia: percorsi formativi

Scuola Primaria
> Scuola Primaria "Croce"
> Scuola Primaria "Favini"
> Scuola Primaria "Rosaspina"

Scuola Secondaria I grado
> Sec. I grado "Gabellini" Coriano
> Sec. I grado - sezione Montescudo


Lavori Primaria

Orienteering e bike: Scuola Primaria “F. Rosaspina “ Montescudo A.s. 2015/2016, Classi terza e quarta.


L’esperienza positiva dello scorso anno sul gioco dell’orienteering ci ha spinto, in questo nuovo anno scolastico, ad allargare i nostri orizzonti spingendoci fuori dai confini della scuola.

Il lavoro propedeutico svolto in classe seconda sulla pratica orientista ci è stato molto utile per affrontare questa nuova sfida, ma vorrei spendere due parole per motivare la scelta fatta, cioè il perché ho introdotto l’orienteering in classe.

Per chi non lo sapesse l’orienteering è” lo sport dei boschi”, nei paesi nordici è addirittura lo sport più praticato; in Italia, in questi ultimi anni, sta prendendo sempre più piede perché ci si è resi conto delle grandi valenze che può recare agli alunni di qualsiasi età e non solo!

 

Fare orienteering significa avanzare sul terreno con l’aiuto di una cartina e di una bussola, scegliendo da soli la via migliore da percorrere, in base a scelte che tengono conto delle condizioni del terreno, della rete di strade e sentieri, degli ostacoli o delle zone pericolose, cercando di valutare quale sia il percorso più veloce e vantaggioso per raggiungere i punti prefissati.

 

L’“allenamento mentale” del gioco impegnato dell’orientamento facilita apprendimenti e determina risposte personali, creative, in soggetti di qualsiasi età, ma in particolar modo nei bambini, lasciando grandissimo spazio alla rielaborazione e alla ricerca personale.

 

Ogni volta che lo si pratica i bambini sono coinvolti in un viaggio di riscoperta che avvicina uomo-ambiente-educazione ai valori. Dalla base della didattica o come attività ricreativa, all’agonismo vero e proprio l’orientamento muove impulsi verso la conoscenza e comprensione dei propri sforzi valutando capacità e limiti migliorabili.

Il confronto con l’avversario, o più semplicemente con il compagno di giochi può dunque risultare meno difficile nella comprensione e nel rispetto dei propri sforzi.

 

La capacità di osservazione si affianca alla percezione dello spazio attraverso la coordinazione motoria e lo sviluppo della concentrazione, migliorano la capacità di scelta di autonomia dello spirito di collaborazione che un bambino sviluppa in maniera naturale, riconoscendo le proprie capacità ma, soprattutto, accettando i propri limiti prima di migliorarli. E’ facile intuire qual è la portata educativa dell’orienteering. Innanzi tutto colpisce la compresenza di impegno fisico e impegno intellettuale con prevalenza, almeno ai livelli iniziali, del secondo sul primo.

 

In secondo luogo l’ambiente in cui si pratica lo sport dei boschi permette il riavvicinamento dell’uomo alla natura.

La pratica orientista dà anche un notevole contributo allo sviluppo intellettivo, allo sviluppo fisico-motorio e anche allo sviluppo di abilità coordinative.

 

 

La scuola, essendo la principale agenzia educativa che si occupa dello sviluppo della persona, trova nella pratica dell’orienteering un valido mezzo per attuare le sue finalità istituzionali. E’ con mezzi ludici e appassionanti come questi che ci si avvicina a quell’ideale di scuola che si può riassumere nell’affermazione: “imparare divertendosi!”

 

Quest’anno il nostro divertimento si è accentuato perché, oltre alle attività svolte a scuola e in palestra, siamo usciti dai confini scolastici facendo una meravigliosa esperienza coadiuvati dall’Associazione Trek e bike. L’esperto, nel mese di gennaio, è venuto in classe per conoscere i bambini, per testare le loro conoscenze orientiste e per introdurre l’uso corretto della bike.

 

 

I bambini, in questa giornata, hanno avuto modo di fare esperienza pratica sulla bicicletta e, cosa molto bella, ci hanno lasciato a disposizione due bike per consentire a tutti di esercitarsi, soprattutto per chi ancora non era troppo sicuro o non era capace.

 

Il giorno della gita, in aprile, tutti i bambini hanno potuto così partecipare alla passeggiata lungo la pista ciclabile del parco Marecchia di Villa Verucchio. Oltre alla passeggiata in bike gli esperti hanno realizzato un vero e proprio percorso in stile orienteering: i bambini dopo un breve briefing, a coppie, hanno individuato le direzioni per raggiungere le lanterne (punti di controllo), attraverso l’azimut e la bussola.

 

 

Inutile dire che è stata un’esperienza molto positiva, sicuramente da consigliare e da condividere! Un ringraziamento agli esperti dell’associazione Trek e bike per la professionalità e l’organizzazione. Un grazie sincero a tutti i miei alunni di terza e di quarta per l’impegno e l’interesse dimostrato.

 

Maestra Monica Filippini


 

Versione senza grafica
Versione PDF


<<<  Torna alla pagina precedente


In evidenza

Inclusione e Integrazione

PNSD: Piano Nazionale Scuola Digitale

Bacheca Docenti (Sportello Digitale)

Formazione e Aggiornamento

Cambridge Esol Examinations

L'angolo degli alunni

Eventi e ... Commenti
> Ed. alla legalità: incontro con i Carabinieri.
> M'illumino di meno. Risparmio energetico.
> Hotel Transylvania: Dracula is not so bad...
> Giornata della memoria - Scuola e Shoah
> Vi racconto la mia dislessia, di G. Cutrera
> Rapporto La buona Scuola in 12 punti
tutte le notizie...

Links & editing
> Links di interesse istituz.le e didattico
> Editing

Area Riservata



Domenica, 23 Settembre 2018
Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni